Ti interessano le nostre creazioni? Contattaci...

martedì 3 luglio 2012

Beati coloro che coltivano la voluttà dell'attesa. (Jean Josipovici)

…l’attesa…nonostante la vita mi abbia messo davanti a prove per le quali l’attesa era il requisito principale, alla soglia di 40 anni non ho ancora imparato a saper attendere
Luca è stato una delle mie attese più lunghe, anche più di tutte e tre le gravidanze insieme…
'Si dice che la parola Attendere sia l’infinito del verbo Amare nel senso di amare all’infinito…'
(A.Bello).
Vabbè non esageriamo, ho semplicemente atteso che “sbrigasse qualche pratica” prima di poter stare insieme, ho atteso le nascite dei miei bambini desiderando di poterli vedere già dal giorno in cui il test di gravidanza è risultato positivo; ho atteso, se posso usare questo termine anche in questo caso, che il mio nemico/amico numero 1, il Linfoma, si stancasse di aggredirmi; ed ora l’attesa  però meno dura, attendo di cambiare “lavoro” da un giorno all’altro…Quest’attesa non la sopporto proprio uff…Ah dimenticavo attendo con ansia anche le ferie, con tutti i buoni propositi del caso, lunghe nuotate tra le meraviglie del mare delle Corsica, tanto per rassodare e tonificare la muscolatura, godermi appieno la famiglia, sperando di non sclerare con i marmocchi più grandi ed i loro continui battibecchi; mi piacerebbe anche riuscire a leggere.Per ora però, ferie a parte, mi limito ad attendere di uscire dall’ufficio che in questo periodo di stasi e di cambiamenti mi è diventato proprio stretto, colleghe a parte…Sì, perché in queste interminabili mattinate in ufficio il caffè tra colleghe è diventato il momento che più attendiamo con piacere, due chiacchiere, qualche pettegolezzo, sempre piuttosto lieve però, e racconti di vicissitudini tra mamme.
Incredibilmente nella mia “isola”(in ufficio siamo posizionate in isole da 4/6 persone) siamo 4 mamme ognuna con tre figli…curioso vero?Ho cominciato io con la mia terza cucciola e a stretto giro mi hanno seguito le altre 3…ora ci siamo domandate, con il tempo, se fosse stato un desiderio di evadere per circa un anno dall’ufficio o se molto più probabile, viste le vicissitudini di ognuna di noi, fosse un desiderio “nascosto” di avere sempre un piccolo cucciolo del quale occuparci: in ogni caso in quest’isola non si avvicina nessuno, forse per la paura di scatenare un’epidemia???ah ah ah

Susanna


Nessun commento:

Posta un commento