Ti interessano le nostre creazioni? Contattaci...

lunedì 9 luglio 2012

Quando la delusione supera l'arrabbiatura.....


34 anni è un'età strana, in cui vorresti sentirti una ragazzina e non lo sei, in cui vorresti sentirti ancora tanto figlia e invece ti senti sempre più mamma!
Le prospettive cambiano, evolvono....cominci a capire tanti tuoi errori e a cercare di comprendere quelli degli altri, ma spesso il tuo punto di vista ti porta a comprenderli ma a non accettarli....il brutto è quando non solo non li accetti, ma neanche li comprendi più! Perchè ognuno pensa a quello che è stato, che avrebbe voluto essere e a quello che sarà nel prossimo futuro! E spesso tante incomprensioni ti permettono quantomeno di sapere cosa vorresti provare a non essere....il problema è riuscirci!
La delusione sta nel fatto che ti accorgi che probabilmente, anzi, sicuramente, non solo ormai quello che è stato è stato, ma quello che sarà non sarà tanto diverso. Ma siccome ormai da qualche anno a questa parte, le vicessitudini della vita mi hanno fatto capire che nulla accade per caso, colgo ciò che di meglio questa delusione mi può lasciare e cioè:
- la stima per chi da anni mi sta accanto con amore e che con i suoi silenzi dice più di quanto farebbero tante parole
- l'amore incondizionato per mia sorella
- i buoni propositi che ho fatto e che mi impegnerò a portare avanti!
Per tentare di mettere in pratica i buoni propositi, però occorre prima predisporsi fisicamente e psicologicamente.
Ma come?
Di seguito segnalo alcuni consigli che ho trovato leggendo Donna Moderna e che vi riassumo di seguito:
- Riposarsi a sufficienza e non mettersi in condizione da essere sovraffatti dalla fatica.
- Seguire un regime alimentare sano ed equilibrato
- Evitare di bere alcolici, fumare sigarette o prendere altre cose ancora più serie. - Avere autodisciplina: l'autocontrollo porta ad evitare la disperazione, il senso di impotenza e altri pensieri negativi.
- Imparare a scoprire cose nuove: dal visitare un museo ad imparare una nuova lingua.
- Godere della bellezza della natura o dell'arte.
- Limitare, con l'obiettivo di eliminare, le abitudini mentali non sane come grogiolarsi in pensieri negativi su se stessi e il mondo, che hanno il solo effetto di far perdere tempo, prosciugare le energie e scatenare ansia, paura e depressione.
- Appellarsi ai propri sensi: ascoltare musica che aiuta a tirare su il morale, annusare i fiori, bere una bevanda calda o gelata (o tiepida, se i gusti andassero in quel senso), guardare cose belle.
- Fare qualcosa che stimola la creatività e fa sentire produttivi e quindi occuparsi delle piante, disegnare, costruire, cucire, etc etc.
- Imporsi di fare cose piacevoli e farle per nessun altra ragione se non che piacciono.
- Riconoscere quello che si ha di bello ed esserne riconoscenti.

Sono cose che si sanno, ma rileggerle ogni tanto ti fa venire la voglia di metterle in pratica.

Sara

Nessun commento:

Posta un commento