Ti interessano le nostre creazioni? Contattaci...

giovedì 6 settembre 2012

Mangia, prega, ama....




“L’amore, la stabilità, un buon lavoro…non voglio più questa vita perfetta…”.


Sono le parole di Elizabeth, la protagonista del libro “Mangia, prega, ama”.
Quante volte nella testa mi è balenata l’idea di cambiare il corso della vita?
La quotidianità, per quanto rassicurante, la maggior parte delle volte mi va stretta, troppo stretta e il desiderio di riuscire a modificare il corso degli eventi e di avere il coraggio di osare prende prepotentemente il sopravvento…ma forse non abbastanza…
Mi perdo sugli articoli riguardanti le “persone coraggiose”, quelle persone che prendendo in mano la loro vita rinunciano ad un decorso apparentemente stabile e tranquillo per cercare un reale equilibrio, cambiando e rompendo gli schemi prestabiliti, che tanto mi piacerebbe imitare. Il mio sogno sarebbe andare a vivere in campagna, in una grande casa con una stanza tutta per me dove poter dare sfogo alla mia creatività, dove poter svolgere una vita sicuramente più sana e qualitativamente migliore…e dire che l’ho anche trovata, e la fantasia su una ristrutturazione, un eventuale trasloco galoppa a più non posso…
Non penso di essere originale in questo mio sogno, credo, infatti, sia il desiderio di molti ma, a me manca il coraggio…
Chissà forse potrei farlo magari improvvisamente ed inaspettatamente!!!
Leggendo e soprattutto vivendolo in prima persona sono cosciente del fatto che il malessere è un’occasione di rinascita, una ricerca del proprio equilibrio, secondo lo psicanalista J.Valli, per diventare equilibrati, bisogna essere modulari, cambiare tante volte, essere flessibili e accettare le trasformazioni.

Per il momento provo a elaborare il mio pensiero e i miei desideri e immergendomi nella mia arte e nelle letture mi sono lasciata coinvolgere da Liz, che decide di lasciare tutto, amica compresa per intraprendere un viaggio intorno al mondo e dentro la sua anima.
 …Quattro piedi puntati a terra, la testa piena di foglie e il mondo visto attraverso il cuore…

Mangia: a Roma si avvicina ai piaceri della buona tavola ingrassando dodici chili (passaggio che vorrei fortemente saltare.)
Prega: durante la tappa in India, dove trascorre il suo tempo con Richard, un anziano che le suggerisce di rimanere lì finché non si perdona.
Ama: in Indonesia, a Bali, dove è aiutata da uno sciamano sdentato a guarire la tristezza che ha nel cuore, imparando a sorridere e amare nuovamente.



Se mai dovessi azzardare il passo, allora vi racconterò tutto nei minimi dettagli…se però tra di voi c’è chi, questo coraggio l’ha avuto allora attendo con ammirazione ed interesse il racconto…

4 commenti:

  1. E' proprio vero, tanto di cappello a chi riesce,con immenso coraggio, a dare una sferzata alla propria vita....

    RispondiElimina
  2. Sorellina......si può dare una svolta anche cominciando da qualcosa....senza figli avremmo azzardato di più, ma con loro bisogna fare le cose con più sicurezza!!! Senti qua, stavolta io che sono più razionale di te!!!

    RispondiElimina
  3. ...tocca iniziare da qualche parte...io ho la necessità di cambiare il corso degli eventi...accetto consigli...magari l'unione fa la forza per il momento aspetto vostre news

    RispondiElimina
  4. Cara Susy,

    sapessi quanto mi rispecchio nella tua esigenza!!!! Ma bisogna avere tanto coraggio a saltare nel vuoto!!! Sinceramente con la responsabilità dei nostri figli bisogna riflettere cento e mille volte.

    Semmai dovessi trovare questo coraggio saresti l'esempio da seguire.

    Bacio

    Silvia

    RispondiElimina