Ti interessano le nostre creazioni? Contattaci...

venerdì 22 marzo 2013

...dal Sussidiario...al Teatro...


La passione per il teatro mi accompagna da quando ero bambina, per il dietro le quinte, per il rumore delle scarpe sul pavimento di legno, per l’odore dei fondali dipinti e per il montaggio che avviene dietro il sipario.
La meraviglia di creare una scena, di costruire una location, di creare  uno spettacolo che faccia rimanere piacevolmente stupiti…
La timidezza non mi ha mai permesso di voler recitare, ma la mia fantasia, insieme al voler creare con le mani, mi ha fatto vivere anni in cui ho potuto realmente lavorare dietro le quinte…anni meravigliosi!!!
L’inizio è stato nei villaggi turistici come “SCEMOGRAFA”, simpatico nomignolo attribuito a chi, divertendosi da morire, univa l’arte e la passione inscenando dalla mattina alla sera grandi spettacoli, alternando il lato da animatore, requisito fondamentale nei villaggi turistici…
Il passaggio più emozionante e importante al Teatro della Tosse di Genova accanto a Lele Luzzati, del quale vorrei parlare più avanti, e l’approdo al Laboratorio integrato Piero Gabrielli accanto a Roberto Gandini, hanno segnato l’attività più importante della mia vita…
Quest’ amore per il disegno e la creatività è ciò che si respira nella nostra casa, pur se il decorso della vita ha dovuto cambiare radicalmente la mia più grande vocazione…mia figlia Vittoria è l’artista di casa…
forse lei artista a tutto tondo, visto che anche a scuola la sua mente vaga e fa voli pindarici, proprio mentre le maestre spiegano…

Non è grandemente interessata la ragazza alle materie scolastiche: le divisioni a due cifre come il paesaggio alpino o la fotosintesi clorofilliana sono sicuramente meno interessanti della storia degli egiziani, non tanto per le conquiste quanto per gli abiti che indossavano, tutti tempestati di oro…
Allora, si può fare un bel cartellone sugli egizi, tutto colorato, ma non si può certo perdere tempo con le tabelline.


Arghhh quanta fatica ragazzi!!!
Segretamente però vi assicuro che questo lato di Vittoria, con la testa tra le nuvole e il suo mondo estremamente colorato, io lo adoro…
Il dolore più grande per lei quest’anno è non essersi potuta dedicare al Teatro, inteso come recitazione: non è come la mamma lei, le piace recitare ma proprio tantissimo, e seppur abbia preso un anno sabatico, dedicandosi alla ritmica ed al catechismo, credo sia urgente una ripresa della recitazione…altrimenti dentro casa dobbiamo essere spettatori instancabili dei suoi monologhi, dei suoi travestimenti, non che questo ci dispiaccia…ma tutti mascherati…

Le nostre letture preferite, accantonando il sussidiario…Susanna






Vi consigliamo anche:
Cappuccetto Rosso al Teatro " Le Maschere"

Siti per libri per bambini:


Nessun commento:

Posta un commento