Ti interessano le nostre creazioni? Contattaci...

mercoledì 6 marzo 2013

Il baciocaramella...

Guendalina quest'anno ha preso coraggio...frequenta il corso di teatro direttamente dopo la scuola, così il mercoledì dalla mattina ci rivediamo la sera....tutto bene, ma a lei il fatto di essere presa da scuola dalla maestra di teatro proprio non va giù! 
Vorrebbe vedermi anche solo per portarla al piano di sopra, ma spesso non è possibile e allora qualche settimana fa mi ha chiesto di "stamparle" su un pezzettino di carta un mio bacio cosicché se ne avesse sentito il bisogno avrebbe potuto "darsi" autonomamente un bacio della mamma! E così ho fatto, con tenerezza!!

Stranissima coincidenza, dopo qualche giorno andiamo in biblioteca e Guendalina, tra gli altri, prende in prestito questo libro: 





"Zeb e la scorta di baci" scritto e illustrato da Michel Gay edito da Babalibri.


È la storia di Zeb, una piccola zebra che va per la prima volta al campo estivo e mentre nel suo zaino mette il pigiama realizza che per quei giorni dormirà da solo senza baci della mamma e del papà, che però, consapevoli,
già hanno trovato una soluzione: in una scatolina di latta, di quelle delle caramelle, hanno messo numerosi bigliettini con i loro baci....quello della mamma si distingue grazie al rossetto rosso!!
Zeb sale sul treno e quando è l'ora di dormire, aspetta che vengano spente le luci e segretamente prende un foglietto e lo poggia sulla guancia: ora si sente tranquillo ma il pianto di un'altra zebra piccolina lo intenerisce talmente da volerla tranquillizzare e le offre, pur vergognandosi un po', un foglietto....le altre zebre ascoltano tutto e si fanno avanti e tutte chiedono un "baciocaramella", finché serenamente si addormentano.
La mattina seguente le zebre vogliono fare colazione con Zeb e sebbene i "bacicaramelle" siano finiti, Zeb si sente forte e sicuro.
Un libro dolcissimo, di tenerezza e al tempo stesso di coraggio!

Ancora una volta Babalibri non perde un colpo e le illustrazioni riproducono esattamente gli stati d'animo.

Sara

Nessun commento:

Posta un commento